header3.jpg
  • Stringi schermo
  • Allarga schermo
  • Diminuisci carattere
  • Predefinito
  • Aumenta carattere
Home Cenni storici
Cenni Storici PDF Stampa E-mail

Attorniata ad ovest dai monti Monarco, Crocino e Rho, con i monti Orsa e Sant'Elia a farle da sfondo ad est, a mezza strada tra il capoluogo di provincia, Varese, a sud e il lago di Lugano che delimita il confine con la Svizzera a nord, Arcisate, come documentano numerosissime testimonianze, ha origini assai antiche e ha sempre rivestito un ruolo politico, sociale, culturale e religioso rilevante nella Valceresio. Di probabile origine celtica, come documentano accurati studi filologici sul nome, è sicuramente certo che Arcisate esisteva già all'epoca romana, come risulta dal rinvenimento di tombe, lapidi, monete e oggetti, che attestano l'insediamento romano nel nostro territorio.

Monumenti artistici di grande interesse, quali il Battistero, la Basilica e lo stesso Lazzaretto, testimoniano un passato di indubbio valore storico, animato dalla laboriosità e dalla fede che hanno contraddistinto da sempre la popolazione arcisatese. Arcisate è costituita dalle frazioni di Brenno Useria e Velmaio.

Il nome di Arcisate è di incerta derivazione, ricorrono infatti diverse interpretazioni.

L'etimologia celtica di Arcisate la si può individuare nella sua posizione geografica nei confronti del monte Monarco, dal celtico Man Arc, ossia monte Arco. Si può pensare che i pochi abitanti del minuscolo villaggio che raccolse i primi arcisatesi, indicassero la loro località (ate) come un luogo posto sotto (is) l'Arco (Arc) cioè dicessero per nominarla Arc-is-ate.

Da Is-Arc (sotto l'Arco) pare non sia difficile derivare il nome degli isarci, il popolo che secondo Plinio abitò queste plaghe.

Questo richiamo storico offre al Bonaventura una nuova etimologia di Arcisate: Arx Isarcorum, rocca degli Isarci, tesi avallata anche dal Soriani. Altri studiosi vorrebbero far derivare il nome di Arcisate da Ara Caesaris, ara o altare di Cesare. Altri ancora da Arx Isaurorum, nome di una legione di soldati spedita durante la guerra gotica (535-540) nelle nostre terre, per difenderle dalle invasioni dei Bergognoni.

Una etimologia che possiamo definire di produzione locale, fa derivare Arcisate da Arx gypsaria, ossia rocca del gesso o della calce di cui Arcisate fu sempre molto ricca.

Il nome di Brenno deriva dal celtico "bren" che significa luogo boscoso, quale doveva essere appunto la contrada a quei tempi. Il nome di Useria che fino alla seconda metà dell'800 indicava una località vicina ma diversa, venne unito a quello di Brenno nel 1859, quando la circoscrizione della nuova parrocchia incorporò anche il santuario d'Useria.

Nelle antiche torbiere, tutt'intorno al paese, furono rinvenuti reperti archeologici dell'età della pietra e del bronzo, testimonianza dei primitivi insediamenti umani; la tradizione poi fa di Brenno il capoluogo di tribù celtiche e la zona in cui Caio Mario (156-86 a.C.) stabilì i suoi accampamenti durante la guerra coi Cimbri.

Lo stazionamento dei romani in questa terra è provata da documenti archeologici risalenti ai primi decenni dell'impero.

Anche Velmaio è di etimologia incerta, molti la derivano da Valle di Mario (Caio Mario), che presumibilmente ospitò le sue legioni; oppure da Velma (= melma), luogo paludoso. L'importanza del ruolo svolto da Arcisate nel contesto sociale dell'intera Valle ed oltre, e attestata da iscrizioni cristiane risalenti al III-IV secolo d.C., mentre documenti di periodi successivi fanno conoscere come già allora Arcisate costituisse un importante centro sulla via che da Milano conduceva verso i paesi d'oltre Alpe.

Col tempo, Arcisate ricoprì anche una rilevante importanza militare e religiosa, in quanto fu di sicuro uno dei numerosi villaggi con funzioni di capo di un gruppo di essi, così come si organizzavano le comunità dell'epoca longobarda. Ulteriore conferma di ciò è la designazione di Arcisate, intorno al XII secolo, a capo-pievania, comprendente già allora Bisuschio, Clivio, Induno. Ligurno e Brusimpiano, ai quali si aggiunsero due secoli dopo, Brenno ed altri paesi della valle, ed a feudo e marchesato, governati da nobili famiglie dell'epoca, quali gli Arcimboldi, i Visconti e i Litta, sino al XVIII secolo.

Ad evidenziare ulteriormente il ruolo svolto da Arcisate in tutta la Valle si deve anche ricordare che già intorno al 1700 e sino agli inizi del 1900, fu sede di Pretura, e successivamente della Stazione dei Carabinieri tuttora esistente. Rimasta sino agli inizi del XX secolo alle dipendenze amministrative di Como, Arcisate passò definitivamente nel 1927 sotto la provincia di Varese.

All'inizio del secolo scorso la popolazione di Arcisate contava circa 1700 persone, per raddoppiarsi intorno agli anni '50.

La vicinanza al confine svizzero e la conseguente possibilità di lavoro all'estero facilitò negli anni l'insediamento di moltissimi altri individui, caratterizzando ancor più da un punto di vista lavorativo, lo stile di vita della popolazione, che per anni era rimasta prevalentemente dedita all'artigianato locale, alla coltivazione della terra, alla lavorazione del marmo e alla produzione della calce, che veniva estratta dalle cave sui fianchi dei Monti Crocino e Useria, e trattata sino agli anni '70 nelle fornaci, di cui di ancora si può osservare qualche fatiscente struttura.

Nel volgere di pochi anni, a partire dalla metà del 1800, Arcisate, con le frazioni di Brenno Useria e di Velmaio, si è progressivamente estesa come territorio ed è accresciuta come popolazione, impegnando Amministrazioni che si sono succedute al governo del paese, nella realizzazione di quelle opere pubbliche e nell'assicurare quei servizi sociali che hanno consentito di qualificare maggiormente la condizione di vita degli abitanti.

In breve tempo, inoltre, si è osservato un crescente fiorire di piccole e medie industrie che hanno in tal modo rinnovato l'economia e migliorato le fonti della ricchezza di Arcisate, facendone un importante centro industriale dell'intera valle.

Tutto ciò ha permesso ad Arcisate di conservare un ruolo di preminenza in rapporto agli altri paesi, divenendo tra l'altro sede di importanti servizi pubblici come l' A.S.L. e la Comunità Montana della Valceresio.

Ultimo aggiornamento Martedì 03 Febbraio 2015 11:14
 

App Comunale

scarica l'app municipium

Download

Accedi alla nostra area download.
Troverai tutti i documenti presenti nelle varie sezioni del sito web
>Buona navigazione

Accesso all'area riservata



Statistiche visita

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi1755
mod_vvisit_counterIeri4964
mod_vvisit_counterQuesta settimana6719
mod_vvisit_counterUltima settimana37506
mod_vvisit_counterQuesto mese83461
mod_vvisit_counterUltimo mese137118
mod_vvisit_counterTutti i giorni4129098


Questo sito non fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookies tecnici e di terze parti. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sull'uso dei cookies. Continuando a navigare il sito si accetta di utilizzare i nostri cookies. Direttiva 2002/58/EC